RAP

INSEGNANTE:  A K U Augusto Pallocca

Il corso di rap è articolato in lezioni di 50 minuti a cadenza settimanale. Le lezioni, dopo un primo momento di avvicinamento al genere, affronteranno diverse attività:

  • Scrittura: si parte da semplici tecniche di scrittura rap per arrivare ad affrontare tecniche metriche e di scrittura via via più complesse.
  • Analisi delle forme: i testi dell’allievo vengono inseriti in una forma-canzone. Si analizzano le strutture classiche della musica rap (e più in generale pop): strofa, ritornello, bridge, special. In seconda battuta si analizza il genere all’interno del quale sono inserite queste strutture: : gli allievi imparano a discriminare la velocità del pezzo e le diverse sonorità, riconoscendo di volta in volta un pezzo Trap, Hip Hop, Reggaeton o Dancehall.
  • Esecuzione/vocalità: si introducono alcuni rudimenti della tecnica vocale: respirazione diaframmatica, registro di voce, controllo delle dinamiche, dei suoni acuti e gravi. Si passa quindi all’esecuzione del brano, con attenzione anche all’interpretazione e all’espressività.
  • Performance: attenzione all’ aspetto coreografico ed attoriale della pratica del rap.

I brani scritti e provati in precedenza vengono registrati. L’allievo apprende in questo modo la differenza tra microfono dinamico e a condensatore, la possibilità di regolare i volumi in cuffia e di sovraincidere diverse tracce vocali all’interno della stessa canzone. L’utilizzo di un software professionale di registrazione inoltre concretizza una nuova consapevolezza del processo produttivo della musica nella contemporaneità.

Una volta portata a termine la produzione di un brano, svolgendo tutto il processo dall’idea iniziale all’incisione, l’allievo ha la possibilità di realizzare un videoclip. Un’esperienza ulteriormente creativa, che consente l’ideazione di uno storyboard, studiando delle soluzioni visive adeguate e coerenti col prodotto musicale realizzato, e apprendendo delle basilari tecniche di regia e fotografia.

 GLI OBIETTIVI

Il rap può essere un potente mezzo per raggiungere diversi tipi di obiettivi nell’ambito del corso che propongo. I miei goals sono:

  • Artistico/Musicali: mettere in luce l’espressività verbale e gestuale, costruendo un’attitudine musicale a partire da uno strumento di semplice fruizione come il rap.
  • Analitici: generare una nuova consapevolezza nell’ascolto mediante l’analisi dei materiali sonori contemporanei ascrivibili alla cosiddetta ‘musica di consumo’; una conoscenza musicale funzionale a decodificare le differenze fra suoni, generi, metriche, voci.
  • Tecnici: Nel corso del laboratorio vengono sviluppate diverse competenze tecniche, a partire dalla scrittura, passando per la vocalità, arrivando all’utilizzo di hardware e software per la registrazione.

C’è la possibilità di creare anche un laboratorio degli allievi, dai 5 ai 10 partecipanti, articolato in lezioni di 90 minuti a cadenza settimanale. Tra gli obiettivi del laboratorio,  oltre quelli descritti in precedenza sono da considerare:

Socializzazione: Il gruppo che si sviluppa nel laboratorio crea piccole ma importanti reti sociali, nell’ambito delle quali i partecipanti si confrontano, in seguito, anche al di fuori dell’orario di lezione. La possibilità di trovarsi a svolgere un’attività performativa davanti agli altri consente inoltre ai partecipanti di acquisire maggiore sicurezza, arginare l’eccessiva emotività, sviluppare la capacità di parlare con fermezza in pubblico

Self/Team Managing: Il programma del laboratorio, che prevede lo sviluppo di un prodotto musicale dalla fase embrionale alla realizzazione finale, educa i partecipanti prima ad autodisciplinarsi, e in seguito a ricercare un’organizzazione di gruppo efficiente che possa portarli in maniera efficace al conseguimento dell’obiettivo finale.