Metodo BAPNE®

INSEGNANTE: Salvatore Di Russo

 

È un Metodo di stimolazione cognitiva, psicomotoria, socio-emozionale e neuroriabilitativa che integra la percussione corporale, la musica e il movimento attraverso la Neuromotricità.

La parola BAPNE è un acronimo

 

 

 

 

Il Metodo BAPNE® offre all’insegnante risorse pratiche per l’applicazione della didattica della percussione corporale in aula. Ciò implica una spiegazione dettagliata di come si sequenziano le attività attraverso un obiettivo ben preciso. Nel Metodo BAPNE® l’insegnante non impiega mai gli esercizi di percussione corporale in modo arbitrario, né come una coreografia, bensì vengono presentati con una giustificazione specifica ai fini della stimolazione cognitiva delle funzioni esecutive.

Che cosa è la percussione del corpo?

La percussione corporale è l’arte di percuotersi il corpo producendo diversi tipi di suoni con una finalità didattica, terapeutica, antropologica e sociale. Tanto nel campo delle culture musicali come nel mondo dello spettacolo, (come nel caso di compagnie nate con tale scopo) la percussione corporale ha assunto diversi ruoli che possono essere classificati in usi, significati e funzioni propri di ogni cultura. Pertanto, il corpo é impiegato nelle sue diverse accezioni come uno strumento acustico, ritmico, timbrico e dinamico poiché è legato al movimento e alla danza. E’ importante evidenziare che nell’attualità i mezzi di comunicazione e i social networks hanno giocato un ruolo importante per la sua diffusione dovuta al suo alto contenuto visuale ed estetico (Romero-Naranjo, 2013b).

Il valore della parola nella percussione corporale.

La parola (pensata, parlata, recitata e cantata) ha una grande importanza nel Metodo BAPNE® perché quasi tutte le sue attività si articolano attorno ad essa. Inizialmente va unito l’accento prosodico con il movimento per eseguirlo, successivamente, in modo completamente indipendente. La finalità è poter dissociare entrambe le estremità e soprattutto la voce in maniera completamente indipendente, come avviene comunemente in diverse culture tribali. Pertanto, alla fine, la voce non accompagnerà il movimento attraverso il suo accento prosodico, ma ognuno di essi seguirà una propria strada. (Romero-Naranjo, 2008).

Il canto e al sua importanza nella percussione corporale

Il canto è fondamentale per una corretta stimolazione cognitiva e di entrambi gli emisferi cerebrali. Per questo motivo, il Metodo BAPNE® è contrario ad una attività di percussione corporale con la musica di sottofondo, in cui il soggetto non canta ed esegue una coreografia su una melodia registrata. Dal punto di vista neurologico è noto che quando è presente una musica di sottofondo, mentre si realizza la percussione corporale, si attiva solo una parte emotiva senza alcuna stimolazione cognitiva. Quando la gente balla in una discoteca non vi è una stimolazione a livello cognitivo, trascorre semplicemente il tempo in maniera gradevole interagendo con gli altri, ma attraverso una base puramente emozionale.

E’ importante che gli studenti cantino, si muovano al tempo di ciò che cantano e soprattutto che dissocino gli arti affinché si possa avere una grande stimolazione in relazione all’attenzione, alla concentrazione e alla memoria.

Base di apprendimento teorica

La concezione del ritmo nel metodo BAPNE® ha una base etnografica in quanto studia come il corpo si muove in culture diverse in relazione al processo di apprendimento. Esso non è lo stesso in tutte le culture poiché varia a seconda dell’area geografica. In alcune culture il movimento è inteso in termini di quello che sento, percepisco, intuisco ed esprimo; in altre, invece, in relazione a ciò che penso, capisco e classifico. Questo è il motivo per cui prendiamo in considerazione autori che spiegano come l’uomo apprende in culture e contesti diversi come Gregorc, VAK, Myers Brigs, Dunn & Dunn, ecc.

Giochi di coordinazione dei bambini

La saggezza popolare infantile è una fonte di ricchezza unica dal momento che si articola attraverso il movimento intuitivo piuttosto che attraverso il movimento riflessivo. Nel Metodo BAPNE® si studia e analizza il modo in cui i bambini conoscono ed esprimono il movimento strettamente collegato alla loro creatività intesa come fonte di nuove melodie, movimenti successivamente trasformate e proposte in maniera specifica (Romero-Naranjo, 2013c).

Apprendimento

La forma di apprendimento, come comunemente avviene in Africa, si esprime attraverso il cerchio e i cerchi concentrici. Nel Metodo BAPNE® non vengono impartite lezioni in maniera gerarchica, come in un’orchestra o in un coro, ma in forma circolare, per cui l’insegnante è parte del gruppo assieme a tutti gli altri.

Diversi studi dimostrano che l’interazione con gli studenti in modo gerarchico porta ad un apprendimento competitivo, non cooperativo e non assertivo. Per questo motivo in BAPNE® lavoriamo in cerchi e cerchi concentrici.

Coreografia o stimolazione cognitiva?

Lo scopo del metodo non è quello di eseguire coreografie attraverso la percussione corporale, tanto meno con la musica di sottofondo. In una sessione di due ore del metodo BAPNE®, vengono eseguite più di 50 diverse attività, giustificate tenendo conto dei piani biomeccanici impiegati, dei lobi cerebrali che si intende attivare e quali intelligenze multiple vogliamo stimolare. Pertanto il nostro scopo è quello di tenere il cervello sempre a un alto livello di attenzione e concentrazione. Attraverso questa forma di lavoro sono stati dimostrati ottimi risultati e benefici con persone con ADHD, deficit cognitivo, tossicodipendenti, Alzheimer e Parkinson tra gli altri.

Il doppio compito (attenzione divisa)

La finalità di praticamente tutte le attività del Metodo BAPNE® è quello di lavorare con un doppio compito attraverso esercizi di breve durata, con una media approssimativa di 3 minuti. Le attività cambiano continuamente per tenere un processo pieno di attenzione e non di memorizzazione.

Se lo scopo fosse quello di eseguire una coreografia, dalla quinta ripetizione in poi il livello di attenzione si abbasserebbe e quindi non si potrebbe parlare di stimolazione cognitiva.

Il movimento relazione all’età

In BAPNE® esaminiamo accuratamente le abilità del bambino e dell’adulto in base alle loro possibilità psicomotorie e cognitive. Per ogni fase evolutiva abbiamo creato una classificazione quanto più dettagliata possibile per conoscere le possibilità di base dei soggetti con cui si lavora. Di seguito vi presentiamo un modello creato dal gruppo di ricerca BAPNE®, autori di questa ricerca, riferendosi a neonati con tre anni di età.

Percussione corporale come risorsa terapeutica

Ci sono studi clinici che avallano l’utilizzo del metodo BAPNE® in pazienti con danno cerebrale, deficit cognitivo, Alzheimer e Parkinson. I test neuropsicologici e fisiologici mostrano cambiamenti rilevanti nelle funzioni esecutive, nell’attenzione e nella memoria (Romero-Naranjo, 2013a).

Percussioni del corpo e neuroriabilitazione

L’importanza del ritmo e della musica nei pazienti con danno cerebrale acquisito è uno strumento utile per stimolare l’attenzione, la concentrazione e le funzioni esecutive. Attraverso attività dirette a stimolare l’attenzione divisa, si potenzia il lavoro a livello motorio perché quando si canta viene attivata la cortezza prefrontale e il lobo parietale, ossia le aree cerebrali responsabili del controllo motorio. Per questo motivo il cervello non comprende o percepisce la musica senza movimento.

Percussioni del corpo in diverse culture

Il corpo non si muove allo stesso modo in tutte le culture, pertanto esso porta con sé usi, significati e funzioni legati alla propria regione geografica. BAPNE® non è interessato al risultato finale, ma al processo attraverso il quale si eseguono i vari tipi di suoni o ritmi in ciascuna cultura, così come il processo di apprendimento su cui si basa.

Apprendimento motorio

Il processo di apprendimento motorio è strutturato in modo specifico al fine di migliorare i cinque tipi di attenzione (focale, sostenuta, divisa, selettiva e alternata), la memoria e la concentrazione. Per questo motivo trattiamo in modo particolare la lateralità, il controllo del corpo nello spazio, il peso del corpo nel movimento, i contrattempi, ecc.

  1. Imparare il ritmo e il movimento.
    Il processo di apprendimento motorio avviene attraverso quattro forme di apprendimento che si allontanano dall’imitazione classica. Pertanto si interiorizzano i movimenti sia attraverso l’imitazione (in uno stato iniziale), la reazione inversa o contraria, la coordinazione circolare variabile e la segnalizzazione in tempo reale.
  2. La lateralità.
    Lateralità è un fattore strettamente collegato, in particolare, alle difficoltà di apprendimento, alla dislessia o al deficit di attenzione. Per questo motivo la trattiamo in modo specifico attraverso una tabella di esercizi classificati in quattro moduli chiamati lateralità somestesicapercussivarotatoria/giratoria e spaziale.
  3. Il contrattempo.
    Per eseguire i contrattempi, è necessario un ampio controllo psicomotorio, ragione per cui in BAPNE® fissiamo parametri concreti per stabilire il processo attraverso il quale realizzarne un corretto apprendimento. In questa metodologia il contrattempo si articola in: melodico, percussivo, somestesico e spaziale.
  4. Controllo del corpo nello spazio.
    Il cervello non elabora il movimento allo stesso modo se ci muoviamo nello spazio o restiamo fermi. Per questo motivo, in BAPNE® strutturiamo le attività in relazione al movimento all’interno dello spazio secondo tre categorie:
    Categoria passiva: quando non si effettuano spostamenti nello spazio durante l’esecuzione della percussione corporale.
    Categoria intermedia: ci si sposta in un momento preciso e puntuale dell’attività.
    Categoria attiva: dove ci sposta tutto il tempo.
  5. Il peso del corpo nel movimento.
    Il Metodo BAPNE® tiene conto del peso del corpo durante il movimento in relazione al nostro bipedismo e del tipo di misura impiegata. Esso è fondamentale per il flusso del movimento.

Il metodo BAPNE® a livello fisiologico

L’elevato livello di attenzione che questa metodologia stimola, insieme ai suoi movimenti psicomotori, comporta un elevato consumo di calorie e un aumento delle pulsazioni cardiache durante una sessione di lavoro. Le rilevazioni delle pulsazioni durante le nostre sedute evidenziano che in media esse si attestano tra i 100 e 120/bpm, con picchi fino 140/bpm.

Lo stesso vale per il consumo di calorie, pari in media a 850 calorie ogni tre ore e mezzo di seduta.

Il Metodo BAPNE® comporta un movimento continuo, ma di tipo altalenante (il corpo lavora, si ferma e poi riprende), pertanto non è come andare a praticare jogging.

Percussioni e creatività del corpo

Uno dei punti forti e giustificati attraverso la teoria delle intelligenze multiple nell’apprendimento per progetti è la creatività. Paulo Freire dice con grande saggezza che “insegnare non è trasferire conoscenza, ma creare la possibilità di produrla”. Nel Metodo BAPNE® forniamo indicazioni e suggerimenti specifici per migliorare la creatività dal punto di vista cinestetico, collegato alla stimolazione cerebrale.

BAPNE® ITALIA